Qui troverai curiosità e commenti dalle ultime gare che si sono svolte durante la stagione, con editoriali, video e sguardi dietro alle quinte grazie alle nostre squadre Boels-Dolmans, Quick-Step–Floors, Bora-Hansgrohe e Axeon Hagens Berman.

July 25, 2017

Tour de France: The Final Countdown

Twenty-one days. A few rest days scattered here and there to provide that, “Oh well, I’ve come this far. Might as well keep going” state of mind. Those who are injured sometimes refuse to accept it—how can the quest be over—before the injury wins and their Tour de France dream is dashed on the rocks of reality. Those who are left don their Lycra and fasten their helmets, day-after-day-after-day, to roll out and see who’s holding the fireworks. In the final week, the fuse is once again lit. With a rest day in their legs, the peloton twisted the throttle all the way to “drop mode” for Stage 16, setting a blistering pace. Unfortunately, that left Quick-Step’s Marcel Kittel in a bit of difficulty as contenders chipped away at his Green Jersey points. In a full-on hard charge to the line (of which he played no part), Kittel lost a few more of those points to his rivals. But it didn’t matter—the coveted sprinter’s jersey remained firmly on his shoulders as at the end of the stage. He, no doubt, dreams of holding it all the way to Paris.


But the thing about the Tour de France is that it doesn’t play favorites. It doesn’t care what you want, really. Kittel may have started the day in Green, but Stage 17 turned out to be a bit of a shit day for the perfectly coiffed German. And while we may have been expecting fireworks on the climbs—this stage was stuffed to the gills with gains, including the mighty Galibier—we didn’t expect a small crash to blow Kittel’s dream to smithereens. Taken down by a fall just 20km into the stage, we watched as he valiantly tried to get back in the groove. His goal was clear: stay and finish with the grupetto. But then came the tweet from Quick-Step that ended it all: “Green jersey @marcelkittel, and winner of five #TDF2017 stages, has stopped at the top of Col de la Croix de Fer.” He abandons and the glory of finishing on the cobbled streets of Paris, of riding over that line with the Green Jersey all his, fades from view. Meanwhile, a former ski-jumper wins the stage, so as one TDF dream ends, another comes true.


And then we arrive at Stage 18 and the Col d’Izoard. It is, in a word, steep. The dramatic mountaintop finish caps the last day in the mountains for the Tour and provides what might be the last opportunity for GC contenders to snatch that Yellow Jersey away from the man who just can’t seem to let it go. The col is 14km long and averages out at 7%, which guarantees suffering for everyone. There are attacks and fireworks aplenty, and sudden surges as people are gapped. Finally, one man launches off the front for a solo victory. Cresting the summit, he's totally alone and silhouetted against the sky. His face shows no sign of the suffering—just sheer elation at having not just won, but securing the Polka Dot Jersey for the 2017 Tour de France once and for all. He just has to make it to Paris in one piece, a mere three stages away. The countdown continues.


Stage 19 is the longest of the Tour, with 222km of lumpy-to-flat terrain to contend with. It’s a long, hot stage that sets a searing pace in the French sun. A large break forms, breaks up, and reforms until finally, near the finish, two riders break free. With 2km to go, a sudden attack jerks ahead and is unmatched. Another stage, another solo finish.


Speaking of solos, Stage 20 sees the ultimate solo event, the Individual Time Trial. Starting and finishing at the velodrome in Marseille, riders head out for a 22.5km loop of the town. With the Yellow all but sewn up, this is a race for glory and a young Polish rider, Maciej Bodnar (Bora-Hansgrohe), sets the standard early. As he sweats it out in the hot seat, he is left to watch rider after rider—previous TT world champions included—fail to beat his time. Finally, it's all over and Bodnar wins the TT by one second to get his first ever Tour victory. There's another victory this day—the Yellow is secured. Although there is one final stage to go, it’s pretty much all over, bar the shouting.


The last day of the Tour is like one long victory parade followed by a sprint to the bar. It started as this day most commonly does, with laughter and celebration and the sight of men on bicycles drinking champagne out of plastic (presumably) flutes as they roll through the French countryside. The pace is moderate and sleepy—well, for them anyway—and it isn’t until they reach the Champs-Elysées that there’s a murmur through the peloton that maybe they should settle down and do some racing. It’s a sprinters stage, and with 5km to go, Quick-Step’s Zdeněk Štybar lights his afterburners and attacks. But he's ignited too soon and is caught with 2.5km to go as all the sprinters mob the front. The race comes down to a neck-straining traditional hard man sprint and then, finally, the Tour de France is done.


The Tour de France is a long slog for everyone, but hard not to love. With all the drama of this year, it would have been easy to just give up on it altogether. But it’s the fireworks we love. It’s the fireworks we can’t take our eyes of as we oooh and ahhh the festivities. Each stage is decided in a flash of glory. A man surges to the front and claims it, sometimes with an impressive solo with no one around, other times with a well-timed bike throw or sheer brute strength and determination. Fireworks. A rider, bruised and battered, rides because he does not want to give it up because the Tour is the Tour. Another is ejected, causing us to shake fists at the sky and choose a side. Fireworks. A thin and wiry man attacks on a climb so steep other riders seem to go backwards on it. Fireworks. We’re already counting down the days to next year, when the fuse is once again lit and we get to do this all over again. Why? Because Fireworks.

July 18, 2017

Tour de France: Prize Fighters

A fight breaks out. Not one of those roadside funky punch ups with skinny guys in Lycra attempting to land air-knuckle sandwiches while slipping around in cleated carbon shoes. Nope, not one of those. This is one of those majestic fights where blows are landed, not with fists, but with bristling quads and watts burnt like tissue paper in a fire. This fight is for a bit of cloth—the jersey they call Green. With the rest day behind them, the peloton embarks on 178km of racing for Stage 10. It’s a flat and short stage—definitely one for the sprinters—and with the break caught just 6.5km from the finish, the bell is rung. Marcel Kittel slams it home for his 4th win of the tour, and in doing so, the hulking German surpasses Cipo the Lion King's personal record, with 13 stage wins in the Tour de France.


“I feel like I live in a small little bubble in a small little world that is not really true,” Kittel says. In this alternate facts world we can confidently say this is not fake news, and as he slips on the Green jersey and zips it to his chin we all shout “ja!” to that.


Kermit the Frog once sang “it’s not easy being green,” but Kittel obviously doesn’t know the tune. He brazenly romps home to claim a deceptively effortless sprint victory in Stage 11, comparing his field leapfrog afterwards to playing Tetris—he just got the right gaps. Five stage wins in 11 days and we are left wondering—is the battle for Green all sewn up? What will the final week bring for those who love the brutal heave of a sprinter?


But before we get to that final week, the peloton heads into the mountains. Stage 12 promises sexy Cols all day long, and fans are treated to heroic climbs and exuberant breakaways. On a descent, the Maillot Jaune surprises fans in a switchback by rolling into the corner to do a quick spot check on their camper situation. Will this be the slight miscalculation that may prove costly later on? The finish ramps up to a wall that will test all comers. In the final stretch, the leaders grit their way up, and like a spoon hitting the hard shell of a crème brûlée, the Yellow Jersey cracks. A Frenchman, showing no sign of fatigue, wins it and tonight, a new man wears Yellow. There may be life left in this Tour yet.


The calendar flips over to Bastille Day and it’s out of the Pyrenees for a few Category 1 climbs wrapping up with 25km of downhill to the finish. It’s a day of breaks, with several riders throughout the day picking at the scab of victory, trying to pry it off for the win. In the end, it is a Frenchman who snags it on this most French of holidays and the Maillot Jaune stays where it is for the second night running. After finishing a valiant 6th on the stage, the sight of Quick-Step's Dan Martin being helped off his bike, his back seized tight and face grimacing as he hobbles to the bus, reminds us all that cycling is not golf. There are no caddies here—each man carries his own clubs.


Stage 14 comes and goes with yet another uphill wall-like finish. At an average of 10% for just over 500 meters of gains, this wall calls the shots. But when it’s all said and done, the Yellow finds itself hoisted, yet again, on the shoulders of a most familiar frame. Is the GC all but over? Will he crack again or ride this all the way to Paris? On paper, it’s not over yet, and as we rolled into Stage 15, fans were calculating times and crossing fingers for a showdown and fireworks. The last thing anyone wants is a script that’s been run year after year. It turns out to be a day of leg sapping climbs, culminating in the kind of victory we all love—a solo flyer with no other rider in sight. There's no change in the GC as we head into another rest day, and as the peloton kicks back with massages and easy spins we fans sleep in, dreaming of what could be. Yellow, Green, Polka, or White—no one gives up on a prized Tour de France jersey without a fight.

10 luglio 2017

Tour de France: dove osano le aquile

Al Tour de France, l’uomo che vuole emergere deve essere come l’aquila. Deve restare sul precipizio e allungare le ali, scuotere le piume e stringere le palpebre per poi lanciarsi. Poi mettere in moto il motore e quando è al massimo dei giri, deve lanciare il suo corpo puntando dritto all’obiettivo. E con il suo corpo fasciato da un body di Lycra luccicante sotto la luce del sole francese, deve addentrarsi per stanare il topo, e quindi la vittoria, dal campo di battaglia.
6° tappa, la prima volta in cui si è vista l’Aquila, con Marcel Kittel che ha affilato le unghie e ha usato le sue migliori doti per “cavalcare il vento” fino alla vittoria. In volata, un telaio nascosto dietro a molte porte chiuse. A 75 metri dal traguardo, esce dalla sua zona sicura e parte la mossa vincente. Caso chiuso.
La 7a tappa ha dato a Kittel la sua terza vittoria negli sprint, ma è stato un finale al cardiopalma. Ancora una volta, con il vento a favore, con un vento in coda che spingeva il gruppo a raggiungere velocità sempre più alte. Volando verso l’arrivo, sembrava che Kittel fosse arrivato troppo tardi. Lacrime e mani nei capelli, poi i due corridori tagliano il traguardo spalla a spalla e al termine dello sprint si piegano sui manubri per prendere fiato. Nessun festeggiamento, nessuno ancora sapeva chi avesse vinto – ci sarebbe voluto lo sguardo di un aquila per vedere il soffio d’aria presente tra il 1° ed il 2° posto. Fortunatamente, la tecnologia ha aiutato i nostri occhi fallaci. In un secondo, la faccia di Kittel si trasformò da dubbiosa a felice. Con la 12° vittoria al Tour de France (la 3° di questa edizione), la Maglia Verde è stata ancora una volta sua.
Le aquile sono così, e anche negli stage 8 e 9, le nostre aquile su due ruote si sono messe in mostra. Lo Stage 8 si è rivelata una dura serie di salite collinari, una dopo l’altra e conquistate a suon di scatti. Ha vinto un francese, con una fuga solitaria fino alla cima e combattendo con i propri crampi per assicurarsi la vittoria. Un’intera Nazione in festa. Ma poi arrivò lo Stage 9, il più duro del Tour, e la frase “Dove osano le aquile” entrò in gioco, nel bene e nel male.
I riders sono audaci e coraggiosi. Cercano e trovano nuove opportunità e si spingono sempre al limite. Ma con 45 km di salita nello Stage 9, molti hanno provato semplicemente ad arrivare in fondo. Gli sprinters temevano i giorni come questo. Mentre si combatteva per arrivare a conquistare il Grand Colombier al termine dello stage, gli sprinters stringevano i denti, succhiavano i loro gel e sognavano una Coca Cola ghiacciata in cima alla salita. Dopo esser sopravvissuti al Col de la Biche, immediatamente venivano storditi dal Grand Colombier, fino ad avere i muscoli completamente stanchi. La salita finale della giornata, il Mont du Chat, si rivelava la salita più dura della giornata (e di tutto il Tour). Difficile per tutti. Una salita con problemi meccanici, attacchi eroici e fuochi d’artificio. A 23 km dall’arrivo, tutto cambia. Un incidente, un muro. Brutti momenti per tutti noi con il cuore in gola, in attesa di notizie. Alcuni favoriti abbandonano, altri continuano con i loro corpi sanguinanti e visi stanchi.
Dopo il dramma dello Stage 9, con I favoriti saltati sulle salite, incidenti, abbandoni e sofferenza che anche noi, come fans, ne siamo testimoni, è ora di togliere gli occhiali da “aquila” per un momento. Ma non per troppo, giusto per un giorno di riposo. Ne avremo bisogno di nuovo per lo stage 10, perché “quando osano le aquile”, noi ne testimoniamo il volo. E tutto ciò è magnifico.

7 Luglio 2017

Tour de France: The Furious Five

Il Tour. Ti fa rimescolare il sangue, ti fa fremere la pelle. L'anticipazione di una possibile vittoria ti fa stare sulle spine, l'entusiasmo per la fuga, l'adrenalina di un attacco. Poi ci sono momenti in cui bolle la rabbia, alzi il pugno in aria. Preziosi secondi sono stati persi nella classifica generale. La Sfortuna ha colpito, maglie cambiano di spalle ed il fantaciclismo viene sconvolto; il tutto nel giro di pochi giorni. La settimana è stata proprio così. Guardiamo avanti, il Tour non è ancora finito.Ma scusateci, non possiamo ancora guardare solo in avanti, perché ragazzi, che settimana che è stata. La prima, umida tappa ha visto i corridori fare del loro meglio su un percorso scivoloso sulle strade di Düsseldorf. Una tappa insidiosa. Vai più forte che puoi, rischiando di cadere, o rallenti un pochino, anche se significa perdere secondi per la classifica generale? Le strade scivolose hanno avuto l'ultima parola, con alcuni corridori che hanno dovuto abbandonare la corsa. Sulla scacchiera del Tour de France si è fatta la mossa d'apertura, e dopo questa tappa la maglia gialla per la prima volta ha sfoderato un sorriso da orecchio a orecchio. La corsa è bellissima quanto crudele.


La seconda tappa era per i velocisti e Marcel Kittel della Quick Step ha sicuramente sentito il peso di tutta la nazione sulle sue spalle, quando si è schierato sulla linea di partenza a Düsseldorf, in Germania. Si è visto poi che è riuscito a portare questo peso e sul traguardo a Liegi in Belgio è saltato da una ruota all'altra per arrivare davanti. La vista di un Kittel emozionato sul traguardo, con la sua decima vittoria in una tappa del Tour della sua carriera, gli è valsa la maglia verde. La sua velocità massima di questo sprint è stato di 69,19 km/ora - se non avesse indossato il casco S-Works Evade, la sua chioma bionda sarebbe stata stirata come se fosse in galleria del vento a Morgan Hill.


Pesante è la parola giusta per definire la terza tappa, e dopo aver lasciato Verviers in Francia, si è entrato nelle colline. Duecento chilometri di su e giù fino ad arrivare ad una salita breve ma tecnica verso il traguardo. Quello che ha attirato l'attenzione di tutti è stato il fatto che il piede del Campione del Mondo è venuto via dal pedale. Proprio mentre stava accennando lo sprint si è staccato il piede, ma con l'agilità e la capacità che lo contraddistinguono, ha ri-agganciato il pedale e sfruttando tutta la sua potenza ha reclamata la sua ottava vittoria di tappa nel Tour de France, la prima (e purtroppo l'ultima) di questa edizione.


Questo ci porta dritto all'argomento spinoso. Da questo momento la quarta tappa del Tour de France 2017 verrà per sempre ricordata non per il corridore che l'ha vinto, ma per chi non l'ha vinto. Inutile parlare di giuria e giurati, complotti o altro, è possibile trarre solo una conclusione. Non è né giusto, né sbagliato. Non è uno contro l'altro. E' semplicemente un colpo per tutti quelli che amano il ciclismo. In Inglese si dice "L'elefante nella stanza" perché è scomodo doverlo guardare, ma ricordiamoci questo: gli elefanti sono anche animali bellissimi e magnifici. Hanno la pelle dura e classe da vendere. Fossimo tutti un po' più come degli elefanti. C'è ancora tanto da pedalare nel Tour de France, cosa che sul momento c'eravamo quasi scordato - una cosa che non succederebbe mai ad un elefante.


Con questo, siamo finalmente arrivati in montagna per il primo dei trei traguardi in salita del Tour di quest'anno. E' stata una giornata di fughe compreso quella di Philippe Gilbert della Quick Step, che ha tentato di staccare la concorrenza sulla salita finale La Planche des Belles Filles. Ovvero la Tavola delle Belle Ragazze. Gilbert ha riassunto la difficoltà della giornata in modo meno poetico: "In TV sembrava molto più facile". Comunque tappa bellissima da guardare, anche se è stato ripreso. La smorfia della sua faccia mentre attaccava il muro del 20%, l'ondeggiare del torso quando affrontava una pendenza che ci faceva stare male anche guardandolo seduti in poltrona. Gilbert può pensare che sembrava più facile in TV, ma tutti abbiamo sentito lo sforzo di ogni corridore che è passato per quella salita per arrivare in cima.


Cinque le tappa fatte, sedici ancora da fare. Emozionante. Adrenalina. Delusione. Montagne russe di emozioni. Si chiama essere un fan del Tour de France.

29 Maggio 2017

Giro d’Italia: la kermesse delle maglie

Quando le grida si zittiscono e le chiacchiere finiscono si capisce una verità assoluta - il Giro d'Italia è una categoria a parte se parliamo di colpi di scena. Ogni tappa della settimana finale ha visto un gesticolare animato da parte dei tifosi, pieno di significati ed esprimendo le emozioni di tutto il mondo ciclistico.Una domanda cruciale all'inizio della settimana. Un uomo come Dumoulin, le cui speranze sembravano dipendere in tutto e per tutto dall'ultima prova a cronometro, poteva tenere a bada tre contendenti della classifica generale e mantenere un vantaggio, oppure l'avrebbe visto svanire sulle strade di montagna? Quando ci siamo svegliati per l'ultima tappa solo due maglie erano ancora in forse. La maglia ciclamino era praticamente cucita adosso a Gaviria dalla settimana precedente. Ma quella rosa e quella bianca? Tutti sogniamo questo: una gara avvincente da decidere l'ultimo giorno.


La ruota sbagliata, un pasto che cade male o un po' di sfortuna sono cose che possono cambiare tutto. Si può perdere - o anche vincere - il Giro d'Italia in un batter d'occhio. Ed è questo che ci fa rimanere attaccati allo schermo, guardando gli Italiani a incitare i corridori dalle loro terrazze lungo il percorso o lungo i tornanti delle tappa di montagna. I secondi conquistati con tanta fatica possono evaporare nei chilometri finali dell'ultima tappa del Giro, quando un corridore sfida il destino e vince il piatto. Sinceramente, 3612 km non sono mai sembrati così brevi.


Diranno che il Giro 2017 rimarrà negli annali come una corsa da ricordare. Il primo Olandese a vincere, la Quick Step che vince la classifica a squadre, Fernando Gaviria che sprinta come uno posseduto nel suo primo grande giro e non dimentichiamoci di Bob Jungels che proprio l'ultimo giorno si aggiudica la maglia bianca. Lotte per sempre stampati nella memoria, una promessa di quello che ha ancora da succedere nel futuro. Innalza il nostro spirito e guardando il Giro ci rendiamo conto che ai tifosi non mancherà mai un idolo da acclamare.

24 Maggio 2017

Giro d’Italia: Largo ai giovani

Nella seconda settimana del Giro d'Italia la maglia rosa cambia di spalle su quelle di qualcuno deciso a combattere per indossarla più a lungo possibile. Altri hanno fame di conquistarla, ma dopo la nona tappa il distacco è notevole e sarà difficile recuperare. C'è ancora tempo, siamo solo agli inizi della seconda settimana ed il Giro è sempre inprevedibile. Chissà quale polemica nascerà nei prossimi giorni? Questa è l'Italia e le tappe di montagna sono sempre un po' pazze.Metre la classifica generale è tutto quello che i corridori hanno in testa, altri sanno che gli conviene mirare alla vittoria di tappa. Questa settimana sono i giovani - e uno in particolare - gli opportunisti. Il corraggioso e audace Fernando Gaviria butta in campo il fuoco della gioventù, conquistandosi la vittoria della 12ma tappa. Ventidue anni e colleziona punti allo sprint come se niente fosse. E' una nuova promessa? La forza è con lui ed è andato a vincere anche la tappa del giorno successivo. Vuole difendere la sua maglia ciclamino fino al traguardo a Milano.


Ma la settimana non è ancora finita per il Quick Step team, con il 24enne Bob Jungels che decide che non gli bastava indossare la maglia rosa per cinque giorni, ed ha voluto capire cosa si sente a vincere una tappa. La tappa n.15 reclama la sua prima vittoria allo sprint nel Giro, la prima volta dal 1956 che un Lussemborghese riusciva in questa impresa. La settimana si chiude con baci sul podio, champagne e l'esuberanza dei giovani. Ora è la volta delle tappe di montagna, e forse sarà l'esperienza a dettare legge.

15 Maggio 2017

Giro d'Italia:

Nei primi giorni del Giro, come una patata bollente, la maglia rosa viene scaricata da un corridore all'altra. Niente di strano, ma su quattro giorni tre di questi atleti facevano parte della Quick Step Floors e della Bora Hansgrohe, una staffetta di scambi di maglia targate Specialized. Fino ad arrivare sulle spalle di Bob Jungels, che ha dimostrato che gli piaceva indossarla.La prima settimana di un grande giro è strana. Ci si assesta, si cerca di evitare le cadute evitando l'esuberanza che così spesso fa morire i sogni sul nascere. Un passo falso e finisce tutto. Ma la prima settimana è allo stesso tempo l'opportunità di conquistare una vittoria di tappa e fare conoscere il tuo nome. Gli atleti sono tentati dallo scintillio rosa come se fosse un'insegna luminosa a Las Vegas. "Chi mi vuole?" è la tentazione. "Pensi di riuscire a tenermi sulle spalle?"


La prima settimana, è una scomessa.


Giorno numero uno e BAM! Una giovane promessa Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe) sorprende tutti, rubando la maglia rosa. Venticinque anni e un sorriso da orecchio a orecchio. Una gioia sfrenata, il momento di gloria - è questo che caratterizza il Giro. Anche se il giorno dopo perderà la maglia, sarà per sempre il primo ad averla indossata nel Giro 2017.


Alla terza tappa è Gaviria a sfoderare tutta la sua potenza tagliando il traguardo per primo con un vantaggio che gli vale pure la maglia rosa. Vincerà un'altra tappa due giorni dopo, ma questo sarà l'unico momento in cui veste di rosa. Il motivo è Bob Jungels, che scrive cinque capitoli del Libro della Jungels. Non avrà una bella parlantina, non è stato cresciuto dai lupi, ma sicuramente sa correre, conquistando il rosa in tappa n.4 e rimanendoci fermamente attaccato fino alla nona tappa.


Ma andiamo avanti alla seconda settimana. Cosa succederà - altre patate bollenti o ci sarà qualcuno che si ipotecherà il rosa a lungo? Stiamo a vedere.

14 Maggio 2017

Il Tour della California Donne

Inizia tutto in una giornata tipica sul Lake Tahoe, con un sole accecdante in un cielo azzurro, il lago che brilla come per dire "guardami", neve sulle cime dell montagne. Le atlete del plotone si recano ala firma, aspettando di essere chiamati. Poco dopo si preparano sulla linea di partenza e via. Un giro del lago Tahoe sono 72,7 miglia. Non c'è tempo per ammirare lo specchio d'acqua contornato da montagne dalla cime bianche, per un selfie di uno scenario che sembra finto da quanto è bello. No ,sono troppo occupate ad attaccare, trovare la ruota giusta e a respirare l'aria rarefatta di montagna.E' una gara calda, in tutti i sensi. Attacchi veloci ed aggressivi, ma il gruppo rimane compatto. Nella salita verso il traguardo, un'atleta attacca, ne segue un'altra, e via così, fino a quando due cicliste della Boels Dolmans, Anna van der Breggen e Megan Guarnier pongono fine a tutte le discussioni. La tre volte Campionessa Statunitense sorpassa la Campionessa Olimpica per reclamare la vittoria. Fine della prima tappa. Scende dal podio con un orso di peluche e indossando la maglia gialla.


Il secondo giorno la temperatura scende, e il vento si alza. Gli spettatori indossano piumini e cappelli, stanno vicini uno all'altro per proteggersi dal vento, scaldando le mani con una tazza di caffé. Quando le atlete arrivano alla partenza, sono bardate come dei burrito, con strati che toglieranno pochi secondi prima di partire. Varie ore dopo, quando le ragazze tornano, il sole è alto in cielo, Megan deve cedere la maglia gialla. La Van der Breggen però è seconda in classifica a soli tre secondi. Quel pomeriggio la caravana scende verso climi piàù clementi, i tifosi escono i pantaloncini e la crema solare, pronti per la terza tappa, a Sacramento.


Soli tre secondi separano Anna e la maglia gialla ed il Team Boels Dolmans tira fuori tutto il proprio potere su un percorso perlopiù piatto. Nello sprint intermedio Anna passa come seconda, e si avvicina alla leader in classifica. Una cosa è sicura, la tappa finale toglierà il fiato.


Per la quarta tappa, Anna van der Breggen adotta lo stile di vita californiana, sta a ruota delle sue compagne di squadra che lavorano solo per lei. Due secondi sono quelli che servono per essere prima - e anche se non vince allo sprint, sono sufficienti per la classifica generale. Più tardi mentre indossa la maglia gialla sul podio è chiaro per tutti che ogni secondo conta.

23 Aprile 2017

Liegi-Bastogne-Liegi

La vittoria di Anna van der Breggen è stata la ciliegina sulla torta, un dolce finale delle Classiche delle Ardenne - la Liegi-Bastogne-Liegi ha reso evidente che per il Boels-Dolmans Team la settimana è stata una coreografia di danza ben orchestrata. Gradini 1 e 2 del podio, 1 e 2, 1 e 2. Anna van der Breggen e Lizzie Deignan: sembra che alla fine volevano ballare solo loro due insieme.La Liegi-Bastogne-Liegi ha iniziato in modo goffo, come succede in tutte le scuole di ballo - un grande gruppo di persone che si osservavano di nascosto, chiedendosi chi avrebbe fatto la prima mossa. Ma tutti sapevano che se non ti fai noare, non balli, quindi in poco tempo il ritmo è aumentato. Ogni salita una nuova azione, un breakdance, un quickstep, ma tutte queste mosse non hanno avuto grandi risultati. La banda della Boels Dolmans suonava - Christine Majerus, Megan Guarnier, e Karol-Ann Canuel ha impostata una alta velocità, un ritmo che non tutti erano in grado di tenere.


Si sono formato dei gruppetti e quando una selezione di cinque atlete si sono portate in avanti, Van der Breggen e Deignan sono state a guardare "So you think you can dance" per un po'. Ad un certo punto, con un piccolo cenno della testa da Deignan verso Van der Breggen, la campionessa olimpica è partita. Possiamo parlare quanto vogliamo di belle figure eseguite sulla pista da ballo, ma il lavoro di Anna è stato animato da un ritmo ad alto wattaggio che ha portato avanti per quattro chilomentri fino al traguardo.


Il tris di Anna van der Breggen - la Amstel Gold Race, la Freccia Vallone e la Liegi-Bastogne-Liegi - è stato qualcosa in più di semplice fortuna o bravura di un'atleta. Non esiste altra squadra che ha avuto due atleti sui primi due gradini del podio in ogni Classica delle Ardenne - e parliamo delle gare degli uomini, perché finora non tutti e tre le gare erano anche per le donne. Altra dimostrazione che, se anche ci piace un bel lento, non esiste nulla di più eccitante che il momento in cui tutti sono invitati ad entrare sulla pista da ballo per esibirsi.

21 Aprile 2017

La settimana delle Classiche delle Ardenne

La Amstel Gold Race, la Freccia Vallone e la Liegi-Bastogne-Liegi rappresentano una cena completa di tre portate, ognuna di esse una gara di una singola giornata, che insieme rappresentano il menu delle Classiche delle Ardenne. Quest'anno, per la prima volta, anche le donne si siedono a questo tavolo, infilando il tovagliolo nella maglia da ciclista, cenando come regine e partecipando a tutti e tre le gare. Con le prime due gare già disputate, manca da servire solo il dessert della Liegi-Bastogne-Liegi, ed è evidente vedere che l'appetito di Anna van der Breggen della Boels-Doelmans non è ancora stato placato.La prima portata era la Amstel Gold Race. Il nome suggerisce un semplice antipasto accompagnato dalla birra, ma in realtà è come un caviale costoso; ricco, intenso e granuloso, con 17 salite per lasciare un lieve 'sapore di dolore' sulla lingua. La campionessa olimpica Anna van der Breggen aveva solo 12 anni quando le donne disputavano questa gara l'ultima volta nel 2003, e questa domenica è andata in fuga da un gruppo di sei atlete - che includeva la compagna di squadra Lizzie Deignan che poi è arrivata seconda - pulendo il piatto di tutti e reclamando la vittoria. Una vincitrice olandese, di una squadra olandese, in una gara olandese? Dolce come un caldo stroopwafel!


La seconda corsa, la Freccia Vallone, si è tenuta pochi giorni dopo. Come il piatto preferito, i sapori erano familiari e buoni per van der Breggen - il piatto aveva il sapore della vittoria. Attaccando quasi allo stesso modo dell'anno precedente, Anna si è lanciata a metà tra le ultime due salite, ritrovandosi sola ad affrontare il Mur de Huy, vincendo con un vantaggio di 16 secondi. La seconda vittoria nelle Ardenne, nuovamente un secondo posto per Lizzie e, ancora più impressionante, la terza volta in fila che Anna vince questa gara. Con il maggior numero di vittorie nella gara femminile della Freccia, è la vera Regina del Mur.


Ora tutto quello che rimane è il dessert, la Liegi-Bastogne-Liegi. Quale sarà il sapore di questa gara, non lo sa nessuno, dato che non aveva mai fatto parte del calendario World Tour Donne. Anche se sappiamo che la vittoria per chiunque la spunta sarà dolce, non vediamo l'ora di capire chi ha più fame e chi rimane con un palmo di naso.

9 Aprile 2017

Parigi-Roubaix

Dire addio non è mai facile, ma guardare Tom Boonen questa domenica mentre il suo sogno di vincere la Parigi-Roubaix si infrange, ha procurato un groppo in gola a molti di noi. Mentre passavano i chilometri solo un pensiero era nella mente dei tifosi dell'eroe belga: e' l'ultima volta. L'ultima volta che lo vediamo affrontare la Foresta di Arenberg, l'ultima volta che vediamo Tommeke che attacca il pavé ad una velocità da paura, le gambe come pistoni di una potentissima macchina. Mentre entrava nel velodromo per l'ultima volta - con lo sprint per la vittoria che si era svolto lì pochi minuti prima - ci chiediamo se pensa quello che pensiamo noi, che è l'ultimo sprint della sua carriera.Ma nella nostra tristezza - con il finale da favola che ci viene privato - non possiamo fare comunque altro che sorridere. Che carriera, che dono. Tom Boonen ci ha regalato quindici anni di gare indimenticabili. Il suo stile di pedalare quasi senza sforzo, le sue numerose vittorie e le battaglie epiche su strada, la sua leadership e la sua eleganza, non possiamo fare altro che alzarci dal banco, salirci sopra ed esclamare "Oh Capitano, mio Capitano"!

2 Aprile 2017

Ronde van Vlaanderen

Sul Kwaremont Philippe Gilbert si distanzia dai tentacoli del gruppo. Una mossa rischiosa - ancora 50 km fino al traguardo e quindi tanto tempo per essere 'risucchiato' dal plotone affamato. Spinge sui pedali, la folla esulta lungo la strada, così come sul divano davanti alla tv. Tratteniamo tutti il fiato mentre guardiamo quest'uomo, testa in giù, a dare il tutto per tutto fino al traguardo. E' implacabile e disperato allo stesso tempo, e vola!Tiene duro. L'inseguimento frenetico è a 29 secondi mentre Gilbert si avvicina all'arrivo, scende dalla bici e la innalza al cielo per celebrare la vittoria. Lo guardiamo mentre cammina oltre il traguardo, con l'ampio sorriso, conscio della sua impresa. E' una cosa incredibile. Philippe Gilbert è il nuovo eroe del Fiandre.

18 Marzo 2017

Milano-San Remo

Come un maglione che si sta sfilacciando, così la Milano Sanremo, appena fuori Milano, riceve uno strappo. Il maglione mantiene la sua forma riconoscibile per un po' mentre fili e fili di campagna italiana vengono sfilati uno ad uno. Mentre i ciclisti pedalano verso la galleria in cima al Passo del Turchino, i punti attraversati sulla pianura lombarda passano quasi inosservati. Ma una volta superato il Turchino, mentre gli atleti scendono verso la costa, tutti sanno che i fili verranno tirati bruscamente. Mentre gli elicotteri sorvolano la corsa, noi tifosi guardiamo ipnotizzati, mentre vengono tirati chilometri di fili colorati color blu-mare. Una fuga di dieci corridori tiene botta finché riesce, ma è solo questione di tempo - non sono mai più avanti di pochi minuti. Dietro, nel plotone, i velocisti si apprestano a prepararsi per una sola cosa: sopravvivere alla Cipressa e al Poggio.Con una leggera accelerazione sulla Cipressa i corridori, tra cui alcuni velocisti speranzosi, vengono spinti da una rigida brezza mediterranea. Ora il gruppo si sfilaccia sul serio. Sul divano o al bar, i cuori di noi tifosi cominciano a battere più forte.


Quando Sagan attacca sul Poggio, è con una tale dimostrazione di forza che si può leggere solo come...'Assaggiate l'arcobaleno'. Il sapore della maglia iridata è quello dell'acido lattico. Due uomini sopravvivono all'attacco e raggiungono Peter. Sicuramente con il cuore a mille, così come il nostro. Dopo aver affrontato le iconiche curve a gomito arrivano insieme in fondo alla discesa del Poggio. La frenesia è palpabile. 'Non verremo ripresi. Il podio è nostro.'


Lo sprint è da fulmicotone. Un arrivo come questo, con tre fuoriclasse in una battaglia epocale sul traguardo è il disfacimento perfetto di questo bel maglione italiano. Il capitolo finale esaltante. Mentre si spingono all'estremo, buttando braccia e bacino in avanti sul finale di via Roma, è evidente che hanno dato veramente tutto. Non c'è altro 'succo' da spremere dalle gambe, non c'è altra aria nei polmoni. Le nostre speranze erano fissate su Sagan e Alaphilippe, ma il nostro cuore non si è spezzato per questo risultato. Un traguardo così? E' un sogno, tutto quello di cui il ciclismo ha bisogno.

6 Marzo 2017

Strade Bianche

Nella sua breve storia di dieci anni, le Strade Bianche si è affermata come una delle gare più pittoresche e particolari del calendario del World Tour. Dalla ghiaia bianca che le dà il nome al traguardo a Siena, sito medievale e luogo Unesco World Heritage, questa granfondo all'alba delle Classiche di Primavera serve un antipasto monumentale su un dorato piatto di portata tutto italiano. Quest'anno si è aperto il cielo per regalare alle strade tipicamente toscane, perlopiù soleggiate, una parvenza di quello che saranno le prossime gare più a nord. Naturalmente seguivamo i nostri protagonisti Zdeněk Štybar e Peter Sagan. Il primo ha sfiorato la possibilità di vincerla per la seconda volta, ma la bellezza pura di questa Classica in erba ha acceso il fuoco della nostra passione. E' stato semplicemente una bellissima giornata di ciclismo spettacolare.

3 Gennaio 2017

Per gli appassionati delle corse su strada

Se dobbiamo dare una definizione alla stagione 2016, è quello di 'transizione'. Abbiamo visto vecchi amici andare in nuove direzioni, titoli che si sono riconfermati, storie che sono arrivate al capitolo finale, e anche l'alba di nuovi orizzonti. Mentre si è tentati continuare a vivere nel passato, il tempo non aspetta e nemmeno noi lo dobbiamo fare. Di seguito presentiamo le squadre Quick-Step Floors, Boels-Dolmans e Bora-Hansgrohe e vediamo cosa ci porta il 2017.