Il design Rider-First Engineered™ garantisce
prestazioni ottimali per ogni taglia di telaio.
Lo abbiamo ottenuto grazie a ricerche
senza fine, a feedback dei corridori professionisti
e ad un approccio meticoloso nel progettare la
ostruzione in fibra di carbonio.

Innovazione

Rider-First Engineered™

Lo sviluppo dei telai Rider-First Engineered™ è il risultato della nostra collaborazione con la McLaren, un gruppo che basa i propri design su una solida ricerca. Per comprendere la natura di un problema servono dati concreti, che si ottengono grazie a centinaia di ore facendo le prove. La domanda è: qual era l’ipotesi alla base delle nostre prove?I nostri ingegneri, negli anni a lavorare sui design delle bici, hanno riscontrato che ciclisti in sella a telai più piccoli sperimentavano delle caratteristiche di guida diverse da ciclisti in sella ad un telaio grande – e viceversa. Per esempio, la rigidità del telaio piccolo fa scattare la bici verso l'esterno in curva. Con la bici più grande i corridori sperimentano l'opposto. Per correggere questo comportamento servivano strumenti sofisticati per quantificare le forze che influiscono sul telaio, attraverso la forcella, l’attacco, la sella ed ogni altro fattore di input immaginabile. Con un quantitativo enorme di dati, i nostri ingegneri hanno creato le soluzioni.

E' un approccio completamente nuovo per il design di una bicicletta. Il risultato è che le caratteristiche di accelerazione, guidabilità e risposta allo scatto risultano ‘coerenti’ per ogni misura di telaio.

Per rendere le prestazioni coerenti è stato necessario stabilire dei target specifici per ogni misura di telaio. Così, e con i dati raccolti come base di partenza, sono stati sviluppati i carbon layup specifici per ogni tubazione, per ogni misura di telaio. Il risultato è il mix perfetto di rigidità, leggerezza e reattività per ogni telaio.Per il ciclista significa che un telaio ‘Rider First Engineered™’ nella misura 49 è maneggevole quanto un telaio di taglia 56, così come lo è il telaio da 61.